Home Blog Artigianato L’oreficeria popolare in Sardegna: tipi di bottone e di orecchini

L’oreficeria popolare in Sardegna: tipi di bottone e di orecchini

Quando si parla dell’abito tradizionale sardo, argomento di cui abbiamo parlato diverse volte, si arriva quasi obbligatoriamente a parlare di un altro tema, legato indissolubilmente al vestiario popolare quasi ne fosse una parte integrante.sset Stiamo parlando dell’oreficeria popolare, i cui pezzi realizzati principalmente in argento erano tradizionalmente destinati a completare il vestiario tipico della Sardegna, in particolar modo quello festivo.

Il gioiello sardo in argento

La prevalenza dell’utilizzo dell’argento rispetto a quello dell’oro, molto meno diffuso, si può spiegare con l’abbondanza del primo rispetto al secondo, estratto prevalentemente da una piccola miniera nella zona di Montevecchio, il cui utilizzo venne considerato con il tempo antieconomico. L’argento era quindi molto più semplice da reperire, così come il corallo, pescato lungo le coste in maniera abbondante, sia nella sua versione rossa che in quella nera.

Le forme del bottone sardo

L’oreficeria popolare si basa su alcuni pezzi fondamentali, tra cui il bottone. Creato per completare sia l’abito tradizionale femminile che quello maschile, è un gioiello che si ritrova anche in altre zone dell’Europa.
costume maschile2
Usato a coppia per chiudere il collo della camicia o i polsini della camicia, singolarmente per decorare e chiudere il giubetto maschile e le maniche del giubetto femminile: le funzioni di questo tipo di gioiello erano molteplici. Le varianti che si ritrovano in Sardegna sono principalmente tre, da cui poi derivano altri modelli intermedi: la forma a melagrana, quella a pigna e infine una a bacca. Il bottone a melagrana, realizzato con la tecnica della filigrana a giorno, aveva come principale area di diffusione il logudorese. Quello a pigna, diffuso nel nuorese, era realizzato con una tecnica mista tra lamina e filigrana a notte; il bottone a bacca era invece diffuso nell’area sulcitana e aveva lamina liscia o traforata. Le diverse tipologie non sono eccessivamente diverse alla vista: possono variare anche le dimensioni a seconda della località e della classe sociale a cui erano destinati.

Gli orecchini in Sardegna

Un altro pezzo di gioielleria tradizionale diffuso in Sardegna è rappresentato dagli orecchini, tra cui spiccano senza dubbio i pendenti a goccia.
DSC_0110_1
Realizzati con un corpo principale ovale, spesso con un cammeo di corallo, o con un cerchio in oro, terminano con un pendente a goccia in corallo rosso, in cristallo di rocca o in pasta di vetro colorata.

NO COMMENTS

Leave a Reply