La ceramica sarda: le origini più antiche

Oggi facciamo un passo indietro nel tempo, andando alla ricerca delle origini più antiche di una delle forme più importanti dell’artigianato sardo: la ceramica.
Andiamo sino all’età nuragica, in cui la produzione ceramica in Sardegna deve affrontare e confrontarsi con una serie di mutamenti della comunità.
Usi e necessità alimentari cominciano a cambiare: si necessitano ad esempio oggetti e vasellame per il trasporto e la conservazione di cibi e bevande.
62643
La ceramica dell’era nuragica era opera esclusiva delle donne, che la modellavano a mano per poi cuocerla in focolari all’aperto, a livello del terreno o scavati al di sotto.
Per questi primi manufatti, pre avvento del tornio e dell’intervento maschile, veniva utilizzata un’argilla con una grossa presenza di frammenti esterni: minerali, rocce, elementi vegetali di vario tipo.

Le ceramiche dell’età nuragica

Le forme che assume la ceramica in Sardegna in questo periodo storico sono piuttosto semplici, più mirate alla comodità in fase di cottura che alla mera estetica.
Tegami, piatti, teglie, ciotole: tutte forme piatte a aperte, dall’aspetto grezzo e senza alcun tipo di decorazione, ad eccezione di alcuni, in cui si ritrova già un aspetto più curato nella superficie liscia e lucida.
Le forme basse delle ceramiche erano perfette per la fase di cottura, abbinate spesso ad altri recipienti, anche muniti di fori, con cui si ricreava una sorta di forno a campana con valvole di sfiato.

Le prime decorazioni della ceramica

sarda compaiono sulla tesa e la parte alta dei vasi con orlo, tramite l’impronta di strumenti di vario tipo o l’incisione della superficie ancora fresca.
Si ritrovano anche aggiunte di cordoni e altri elementi in argilla, con l’alternarsi di fasce lisce e decorate.

La ceramica tra età del Bronzo e del Ferro

Con il consolidamento degli scambi con tirreno e egeo la comunità nuragica sarda subisce dei mutamenti: un’apertura che si riflette anche sulle caratteristiche della ceramica.
75743
Si diffondono pezzi in ceramica più raffinati e maggiormente decorati, legati anche a pratiche rituali e all’introduzione di nuove bevande, come il vino, che indicano una diversa concezione della convivialità.

 

Ph.
http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=2436&s=17&v=9&c=4461&id=62643
http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=2436&s=17&v=9&c=4461&id=75743

#BLOG

Origini e simbologia dei Gioielli Sardi

La donna sarda si nasconde e si mostra nei gioielli sardi che indossa. I preziosi sono parte dell’abbigliamento e della cultura stessa di questo popolo. Gli anelli, indossati su tutte le dita, sono tra i gioielli più diffusi. Viaggio nella tradizione e usi dei...

Maria Lai: tra arte contemporanea e tradizione

Oggi vogliamo iniziare una serie di post dedicati ad un'artista che esprime la forza, le immagini e le tradizioni della Sardegna: Maria Lai, artista poliedrica nata a Cardedu. Tra l'arte contemporanea e le tradizioni L'opera di Maria Lai spazia attraverso l'arte...

Francesco Ciusa e le sue opere, gioiello dell’arte sarda

Il 2 luglio 1883 nasce a Nuoro Francesco Ciusa, un altro dei personaggi che hanno fatto la storia della Sardegna e, naturalmente, dell'Italia, contribuendo alla storia dell'arte. L'artista in questione e' Francesco Ciusa, che nelle sue opere riuscirà ad esprimere...

Su Maistu de Linna – Pierpaolo Mandis

Su Maistu de Linna – Pierpaolo Mandis

Pierpaolo Mandis gestisce a Mogoro la falegnameria “Su Maistu de Linna” dal 2005, quando ha preso in mano quella che era sempre stata un’azienda di famiglia.Pierpaolo è diventato l’artigiano e il falegname che è ora grazie ai consigli e agli insegnamenti di chi c’è...

Laboratorio Orafo – Peppino Mele

Laboratorio Orafo – Peppino Mele

Il suo viaggio nel mondo dell’oreficeria ha inizio 35 anni fa, quasi come una sfida, quando un suo conoscente orafo si mostrò certo che non avrebbe superato una settimana di apprendistato nel suo laboratorio.Il laboratorio Orafo di Mele Peppino, specializzato nella...

Anna D’Arte – Laboratorio Orafo ad Assemini

Anna D’Arte – Laboratorio Orafo ad Assemini

Anna Catalano progetta e realizza gioielli in oro e argento nel suo laboratorio ad Assemini, seguendo il processo di creazione di ogni pezzo sin dal primo momento.Questa giovane artigiana entra in contatto con il mondo dell'oreficeria e della filigrana sarda, durante...

Share This