Tessitura Prof Cannas

Tessitura Prof. Cannas

Video Storytelling

Scrivici ti metteremo in contatto con il laboratorio.

Acconsento al trattamento dei dati per la privacy

Coltelleria L’Arburesa

Coltelleria L’Arburesa

Coltelleria L'Arburesa

Video Storytelling

Scrivici ti metteremo in contatto con il laboratorio.

Acconsento al trattamento dei dati per la privacy

Linea da Cucina #nuoviprogetti

Linea da Cucina #nuoviprogetti

Linea da Cucina - GALANU

Artigiani, Designer e Mondosardegna.it si uniscono per progettare e realizzare
pezzi unici.

Conoscere gli artigiani della Sardegna mi ha portato ad appassionarmi a ciò che li unisce: il saper creare con le proprie mani.
Da quando ho iniziato però, sette anni fa, ho notato che è difficile fare collaborazioni, magari unioni di più materiali e metodi di lavorazione, e alla fine del 2017 ho provato ad immaginare come si potesse creare qualcosa di collettivo, chiamando a raccolta più artigiani che facessero qualcosa sotto un’unica etichetta. Ho così selezionato due artigiani e una designer per fondare la prima linea targata MONDOSARDEGNA: Manuela di Kernos Ceramiche, forse la prima artigiana con cui ho condiviso questa idea e la prima che aveva creduto nel mio lavoro, agli inizi di mondosardegna.it. A sua volta, lei mi aveva colpito per l’interesse e il desiderio di “farlo davvero”, nonostante mi conoscesse appena.Il suo laboratorio mi aveva colpito per la sobrietà e l’eleganza delle sue decorazioni e ho capito subito che avrebbe potuto fare qualcosa di davvero interessante; Adriano Concas, un ramaio di Villaputzu impegnato a far vivere un metallo quasi dimenticato della cultura sarda, estremamente appassionato e desideroso di condividerlo per mezzo dei suoi oggetti, fabbricati con metodo tradizionale; Mara Damiani, una designer con esperienza ventennale, una professionista con un’esperienza nel lavoro corale, aveva catturato la mia attenzione per come riuscisse ad ascoltare le necessità degli artigiani e al tempo stesso conservare sempre uno stile ben definito. Anche lei era una garanzia per un lavoro sereno e organizzato.
Da questa inusuale simbiosi di “creatori”, nasce il progetto per un linea di cucina di piatti (fondi, piani e da frutta) che uniscono due materiali che, come i loro maestri, sono diversissimi ma che possono coesistere, il rame e la ceramica. Ma voglio farveli ascoltare direttamente:

Mara Damiani, graphic designer

Da sei anni sfrutto la mia esperienza nell’illustrazione editoriale e studio le iconografie della Sardegna per delineare il mio stile di design. Quando Massimo venne da me con la voglia di intraprendere una collaborazione con alcuni artigiani per un unico prodotto, sono rimasta entusiasta. Ho conosciuto le ceramiste di Kernos, con cui ho potuto lavorare su una linea totalmente inedita. Inizialmente avevamo optato per delle stampe, idea che poi abbiamo abbandonato in favore di una tecnica che loro conoscono bene, l’incisione dello smalto su terracotta. Dopo aver sottoposto dei disegni a Manuela, abbiamo cercato di creare armonia, ragionando fuori dagli schemi: dei piatti in ceramica tondi con dei sottopiatti ramati di forma quadrata, concordati con Adriano, in un contrasto molto particolare. Il tutto decorato con motivi geometrici tipici (e dalla famosa “pavoncella”) ma rivisitati. Infine, abbiamo discusso del prezzo: l’aspirazione era quella di creare un oggetto elegante, raffinato ma comunque accessibile. E ci siamo riusciti.

Manuela, Ceramiche Kernos

“Massimo, lascia perdere noi artigiani”. Invece ha continuato e ha pure avuto questa idea, pazza e difficile. A 14 anni ho fatto gavetta nel laboratorio di mia madre, cominciando dal basso. Col tempo (più molto molto molto esercizio) sono riuscita a prendere il mio posto al laboratorio e a farmi conoscere dai clienti. Ora che ho la padronanza della tecnica del graffito e possiedo un mio stile, posso persino sperimentare, come in questo progetto con MONDOSARDEGNA e gli altri professionisti. Mara è stupenda, non impone mai la sua arte, anzi lavora insieme a noi. Aveva una sua idea iniziale, che via via si è evoluta col confronto con noi artigiani e col materiale stesso. Siamo rimasti colpiti, perché non è assolutamente scontato che un designer si immerga così bene nella nostra realtà. Il buon Massimo, invece, cura la nostra immagine nel web e coordina tutto il nostro lavoro. Quello che sta nascendo è – si può dire dai – figo.

Adriano Concas, ramaio

In Sardegna la lavorazione del rame non si usa più, per questo ho colto questa occasione. Dal 2011 produco oggetti di ogni tipo, anche complementi d’arredo, ma la mia vocazione sono gli utensili da cucina, dove do una mia personale “visione” del tradizionale sardo. In questa stessa linea di prodotti la colorazione del rame è molto variegata e esprime al meglio il mio stile. Una dei mille aspetti che amo di questo metallo, oltre alla sua estrema malleabilità, è osservarne le diverse tonalità del colore durante il processo della fiammatura. Quello che abbiamo fatto tutti insieme è particolare e coraggioso e sono felice di averne fatto parte.

Scrivici per ricevere la brochures in pdf del servizio di piatti GALANU!

Acconsento al trattamento dei dati per la privacy

Maria Lai: tra arte contemporanea e tradizione

Maria Lai: tra arte contemporanea e tradizione

Oggi vogliamo iniziare una serie di post dedicati ad un’artista che esprime la forza, le immagini e le tradizioni della Sardegna: Maria Lai, artista poliedrica nata a Cardedu.

Tra l’arte contemporanea e le tradizioni

L’opera di Maria Lai spazia attraverso l’arte contemporanea, l’arte concettuale e le tradizioni della Sardegna, esprimendosi attraverso una varietà di elementi, che spaziano tra tessuti, telai, dipinti, arrivando addirittura al pane.

La sua formazione artistica inizia con il liceo artistico a Roma, e continua a Venezia presso Arturo Martini e Alberto Viani; a seguito di un periodo nella sua isola negli anni settanta torna nella capitale e alla ribalta con alcune delle opere che diverranno pezzi fondamentali della sua produzione artistica.

Le Tele cucite e i Pani

Si tratta de i Telai, le Tele cucite, i Pani, le Scritture, i Libri, le Geografie, caratterizzati dall’utilizzo di materiali non canonici e da un’evoluzione per l’artista all’interno del campo dell’arte concettuale.

Un esempio sono le Tele cucite, in cui la pittura viene sostituita dai fili: l’ispirazione arriva da una delle grandi tradizioni della Sardegna, la tessitura e il ricamo, che l’artista esprime utilizzando i fili come elemento essenziale.
O ancora le sue sculture di pane, realizzate a partire dalla seconda metà degli anni Settanta ricordando la sua infanzia, quando vedeva le donne impastare, soprattutto in occasione dei giorni di festa.
Si può quindi iniziare a presentare Maria Lai come un’artista che parte dalla e si ispira alla sua Sardegna, trasmettendo la ricchezza delle tradizioni sarde nelle sue opere e portandola su un piano diverso.
Quella di oggi voleva essere una prima presentazione del personaggio Maria Lai, volendo magari incuriosirvi, prima dell’arrivo di post decisamente più dettagliati sulla sua vita personale e artistica.
Immagini tratte da www.sardegnacultura.it

Oreficeria popolare in Sardegna: l’anello e la gancera

Oreficeria popolare in Sardegna: l’anello e la gancera

Continua il nostro viaggio all’interno dell’oreficeria popolare in Sardegna, concentrandoci oggi su gli altri pezzi che contraddistinguono e completano l’abito tradizionale sardo.

L’anello

L’anello è un pezzo fondamentale nel panorama del gioiello sardo, tutt’oggi simbolo della Sardegna in questo settore.
95729
Realizzato e diffuso in tutta l’isola, è un pezzo che viene creato con tecniche diverse, così come possono essere diversi i materiali utilizzati; non mancano le pietre incastonate, di vetro colorato o semipreziose.
A seconda della zona poteva cambiare la quantità o il tipo di anelli indossati: nel Sarrabus, ad esempio, era diffuso uno con un castone piatto e una R incisa oppure uno con una chiave, a simbolo del buon governo della casa.
In altre zone, come nella Trexenta, le donne potevano portare per tradizione un massimo di tre anelli; ad Orgosolo era diffuso invece l’aneddu de punta, in lamina anche traforata, a giardinetto con castone piatto.

L’anello maninfide

Con questo nome si indica un tipo di anello che ricorda un modello utilizzato nel mondo romano, spesso come dono in occasione del fidanzamento: un anello in lamina con due mani che si stringono incise sulla parte superiore.
95669 (1)

La gancera

Destinata a chiudere e decorare l’abbigliamento festivo sia maschile che femminile, la gancera è un altro degli elementi su cui si basa l’oreficeria popolare in Sardegna.
Si tratta di una piccola catena in lamina d’argento, utilizzata in maniera diversa a seconda della zone dell’isola e con piccole differenze nell’aspetto e nell’uso anche a seconda della funziona specifica.
Il modello più tradizionale prevede una catenella fermata ai lati da due elementi traforati, in cui si possono riconoscere elementi del mondo naturale più o meno elaborati.
124318
La sua funzione principale è quella di chiudere ed abbellire l’abito tradizionale sardo, sia maschile che femminile; nel primo caso si tratta generalmente di modelli più semplici, in cui una catena senza troppi fronzoli viene sorretta da due fermature prive delle decorazioni di cui sopra.
Un tipo particolare di gancera è quella da chinzu, ovvero da vita, usata in alcune località per chiudere il grembiule: in questo caso è ulteriormente arricchita da un segmento di catena che pende lungo il fianco.
Immagini tratte da http://www.sardegnadigitallibrary.it/

Maria Lai: tra arte contemporanea e tradizione

Oggi vogliamo iniziare una serie di post dedicati ad un'artista che esprime la forza, le immagini e le tradizioni della Sardegna: Maria Lai, artista poliedrica nata a Cardedu. Tra l'arte contemporanea e le tradizioni L'opera di Maria Lai spazia attraverso l'arte...

Francesco Ciusa e le sue opere, gioiello dell’arte sarda

Nuoro ha dato i natali, il 2 luglio 1883, ad un altro dei personaggi che hanno fatto la storia della Sardegna e, naturalmente, dell'Italia, contribuendo alla storia dell'arte. L'artista in questione e' Francesco Ciusa, che nelle sue opere riuscira' ad esprimere tutta...

Su Maistu de Linna – Pierpaolo Mandis

Su Maistu de Linna – Pierpaolo Mandis

Pierpaolo Mandis gestisce a Mogoro la falegnameria “Su Maistu de Linna” dal 2005, quando ha preso in mano quella che era sempre stata un’azienda di famiglia.Pierpaolo è diventato l’artigiano e il falegname che è ora grazie ai consigli e agli insegnamenti di chi c’è...

Laboratorio Orafo – Peppino Mele

Laboratorio Orafo – Peppino Mele

Il suo viaggio nel mondo dell’oreficeria ha inizio 35 anni fa, quasi come una sfida, quando un suo conoscente orafo si mostrò certo che non avrebbe superato una settimana di apprendistato nel suo laboratorio.Il laboratorio Orafo di Mele Peppino, specializzato nella...

Anna D’Arte – Laboratorio Orafo ad Assemini

Anna D’Arte – Laboratorio Orafo ad Assemini

Anna Catalano progetta e realizza gioielli in oro e argento nel suo laboratorio ad Assemini, seguendo il processo di creazione di ogni pezzo sin dal primo momento.Questa giovane artigiana entra in contatto con il mondo dell'oreficeria e della filigrana sarda, durante...

Continua a leggere il nostro blog

Maria Lai: tra arte contemporanea e tradizione

Oggi vogliamo iniziare una serie di post dedicati ad un'artista che esprime la forza, le immagini e le tradizioni della Sardegna: Maria Lai, artista poliedrica nata a Cardedu. Tra l'arte contemporanea e le tradizioni L'opera di Maria Lai spazia attraverso l'arte...

Francesco Ciusa e le sue opere, gioiello dell’arte sarda

Nuoro ha dato i natali, il 2 luglio 1883, ad un altro dei personaggi che hanno fatto la storia della Sardegna e, naturalmente, dell'Italia, contribuendo alla storia dell'arte. L'artista in questione e' Francesco Ciusa, che nelle sue opere riuscira' ad esprimere tutta...