Home Blog Artigianato Il Giappone parla in sardo

Il Giappone parla in sardo

Sardegna e Giappone, due isole legate

Sardegna e Giappone, si potrebbe pensare, non hanno niente in comune, nessun collegamento oltre il fatto di essere due isole.
Ma cosi’ non e’, e le occasioni di contatto tra queste due culture non mancano, come dimostra il lavoro del professor Shigeaki Sugeta.
image
Giapponese, innamoratosi della Sardegna e in particolar modo della sua lingua oltre trent’anni fa, ha impiegato le sue conoscenze per creare un testo che e’ ormai un cult della produzione letteraria legata alla Sardegna: Su Bocabolariu Sinotticu Nugoresu Giapponesu Italianu.
Dall’incontro con il professor Pittau, rettore campidanese emigrato a Tokio, Sugeta sviluppa infatti un certo interesse per la lingua sarda, affascinante per la sua natura arcaica e ancora cosi’ strettamente legata al latino.

Il vocabolario sardo-giapponese-italiano

Stende quindi un vocabolario sardo-giapponese-italiano, raccogliendo le 1500 parole da lui ritenute essenziali per una conoscenza di base della lingua sarda e con piu’ probabilita’ di essere ricercati.
Pubblicato per la prima volta proprio in Giappone nel 1984, nasceva con lo scopo di aiutare gli studenti del luogo nello studio della lingua sarda, assumendo col passare del tempo tutt’altra importanza.
bocabolariu
Per quanto possa sembrare quasi assurdo, dall’altra parte del mondo vi e’ un vivo interesse per il sardo, lingua studiata ed analizzata poco e nulla in territorio italiano; lo stesso professor Sugeta ha tenuto un corso per oltre trent’anni all’Universita’ cattolica di Tokyo.

Il sardo come lingua unica

La Sardegna arriva quindi in Giappone, grazie alla passione di uno studioso che ha instaurato un forte legame con l’isola, dove continua a tornare in visita ad ogni occasione, e con il sardo, che e’ in grado di parlare fluentemente.
Da sue partecipazioni a congressi in Sardegna si apprende quale sia l’obiettivo di questo studioso: salvare e unificare la lingua sarda , in modo da dare dignita’ ad una lingua che, spesso, non viene trattata come tale.

Immagini tratte da:
http://lanuovasardegna.gelocal.it/
http://guide.supereva.it/
http://www.leviedellasardegna.eu/

NO COMMENTS

Leave a Reply