Home Blog Artigianato Le origini dell’artigianato sardo

Le origini dell’artigianato sardo

0
L’artigianato sardo nasce, come spesso accade, da oggetti d’uso quotidiano, che hanno poi assunto un carattere diverso per quelle loro caratteristiche che vanno oltre la mera funzione originaria. La stessa architettura rustica delle case sarde di un tempo si può considerare come forma di artigianato, così come l’arredamento che si trovava anticamente nelle chiese. La tradizione artigiana sarda è infatti un’arte che si è andata delineando e sviluppando in maniera naturale, a partire dagli oggetti funzionali, senza passare per lo sviluppo all’interno di scuole specifiche. 28 Dai cestini alla ceramica, passando per i ricami, i gioielli, i costumi o i manufatti di legno: le categorie da cui ha preso avvio l’artigianato sardo sono molteplici.

Il legno

La tradizione dell'intaglio sardo “nasce” infatti in casa, prendendo forma ad esempio nella cassapanca nuziale, pezzo assolutamente essenziale all'interno di ogni casa a cui abbiamo dedicato diversi articoli. Questo elemento d'arredo, in legno naturale o dipinto con il rosso del sangue di agnello o nelle tonalità del verde, veniva utilizzato per contenere diverse cose, tra cui ad esempio l'abito tradizionale. Foto MondoSardegna - Orizzontali (1) Di legno erano anche il tavolo, strumento d'uso quotidiano solitamente poco decorato e lineare, e il letto, la cui struttura veniva quasi ricoperta da tessuti e trine. Maggiormente intagliate erano le culle, le sedie e i seggioloni, generalmente dipinti di rosso.

Il ferro e il rame

Questi elementi erano utilizzati in tutte le case sarde sui portoni, con elaborate serrature dalle forme piú disparate, e nelle cucine, sotto forma di ringhiere, lampade, graticole, padelle e piccoli oggetti. 10 Da Cagliari a Sassari, importanti centri della lavorazione del ferro battuto, passando per Isili e Gavoi; trovare un oggetto di ferro o di rame in Sardegna é sempre stato piuttosto comune, ancor prima che diventassero due degli elementi chiave dell'artigianato sardo

L'intreccio

Anche l'arte dell'intreccio ha radici profonde in Sardegna, tanto che si hanno testimonianze dell'utilizzo in questo senso di asfodelo, giunco, paglia, palma e rafia già in età nuragica.

La ceramica

Un'altra lavorazione fondamentale nel panorama dell'artigianato sardo è quella della ceramica, la cui produzione in Sardegna è piuttosto varia e spazia dai pezzi più lineari a quelli più elaborati e colorati. Foto MondoSardegna - Orizzontali Anticamente i manufatti più diffusi erano orci, brocche, tegami, pentole e stoviglie, che rispondono al principio per cui l'artigianato nasce da esigenze della vita quotidiana

La tessitura

Questa "sezione" dell'artigianato sardo prende vita nelle tantissime decorazioni che arricchiscono i tessuti, i tappeti e gli abiti tradizionali che ancora oggi sono rinomati e rappresentano l'isola. 19 La tessitura e il ricamo si trovavano sia nei pezzi conservati all'interno delle case che nelle chiese, tra tovaglie d'altare e paramenti sacri.

La gioielleria

I gioielli sardi, come abbiamo già detto in altre occasioni, avevano la funzione principale di abbellire l'abito tipico. L'attività degli orafi e degli argentieri era notevole e si esprimeva in una lunga serie di monili, spesso decorati con il granato e vetri colorati.

NO COMMENTS

Leave a Reply