Home Blog Artigianato Musei del coltello in Sardegna, tra Pattada ed Arbus

Musei del coltello in Sardegna, tra Pattada ed Arbus

6517-00Il coltello è un’espressione forte e vibrante della maestria degli artigiani sardi, che si tramandano da generazione a generazione le tecniche e i segreti per la realizzazione di pezzi unici.
Per chi volesse entrare in contatto con questa forma d’arte e d’artigianato, in Sardegna sono visitabili due musei dedicati al coltello: il Museo Culter a Pattada, “patria” del coltello sardo tradizionale, e il Museo del Coltello sardo ad Arbus.
Il Museo Culter (Museo Internazionale del Coltello in Pattada), offre una esposzione unica ad opera dei coniugi Giagu, dell’omonima coltelleria attiva a Pattada dal 1985.
All’interno del museo si trovano una sezione storica, grazie alla quale capire quali siano state e siano tutt’ora le lavorazioni tipiche sarde, ed una dedicata a modelli di coltello provenienti da tutto il mondo.
Il Museo del Coltello sardo, ad Arbus in via Roma 15, nasce anch’esso dalla volontà di un artigiano del coltello, Paolo Pusceddu della Coltelleria Arburesa, che ha allestito un’esposizione in quattro sale nei locali adiacenti al suo laboratorio.
La visita propone un percorso dai coltelli antichi ai pezzi dei coltellinai sardi contemporanei, passando poi per una fedele riproduzione di un laboratorio antico, con tanto di incudine antica.
Un elemento che suscita curiosità all’interno del museo, come risulta anche dai commenti su tripadvisor, è un coltello entrato nel Guinnes dei primati come coltello più grande del mondo: 4,85 metri di lunghezza per 295 kg di peso.
Per maggiori informazioni sul museo, visitabile gratuitamente, si può visitare il museodelcoltello.

Immagine tratta da www.geosearch.it

NO COMMENTS

Leave a Reply