Home Blog Artigianato Artigianato Tessile in Sardegna – Samugheo

Artigianato Tessile in Sardegna – Samugheo

L‘artigianato tessile è un elemento essenziale per l’economia del Mandrolisai, zona geograficamente isolata nel centro-sud della Sardegna, tanto che ancora oggi tale settore produttivo impiega quasi il 50% della popolazione e la Regione Sardegna ha provveduto a conferire all’area la qualifica di Distretto Tessile.
Samugheo è infatti riuscito ad affermarsi come uno dei maggiori centri della tessitura sarda, partendo dall’impressionante capacità imprenditoriale delle prime pioniere dedicatesi all’attività sino ad arrivare all’organizzazione dell’annuale Mostra Mercato dell’Artigianato, un vero e proprio emporio dell’arte tessile che si estende per le vie del centro storico.
Oggi gran parte dei samughesi si dedica in primo luogo all’artigianato tessile, affiancando all’uso del telaio tradizionale orizzontale quello di telai meccanici e semimeccanici.
La maestria nell’utilizzo dei vari filati, che spaziano dalla lana al lino e al cotone, ha permesso agli artigiani dell’area di realizzare qualsiasi tipo di lavorazione loro richiesta via via dal mercato, tanto che oggi individuare delle caratteristiche tipiche locali è particolarmente difficoltoso.
Infatti nel tempo sono variate sia le tecniche che i manufatti realizzati: dalle coperte e bisacce realizzate sino alla prima metà del Novecento si è passati a giroletti, copricassa, indumenti, per poi approdare alla produzione attuale incentrata principalmente su centrotavola, arazzi e soprattutto tappeti di qualsiasi dimensione.
La tessitura di Samugheo oggi si può ammirare anche nelle sale del Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile Sarda, nato con lo scopo di raccogliere e tramandare elementi della tessitura, una delle espressioni culturali più importanti della vita dell’uomo.
Al suo interno è possibile confrontare i manufatti e le tecniche provenienti dal Mandrolisai rispetto a quelli provenienti da altre aree della Sardegna, all’interno di un percorso che parte dai primi del 1700 e giunge sino ai primi decenni del 1900.

L’immagine è stata presa da http://www.unionesarda.it/Articoli/DettaglioRubrica.aspx?id=140476

Forse ti potrebbe anche interessare :

 

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply