Home Blog Artigianato Artigianato artistico sardo: la cassapanca

Artigianato artistico sardo: la cassapanca

La cassapanca sarda

L’artigianato artistico in Sardegna inizia a svilupparsi sin dall’antichità anche nel settore del legno e dell’intaglio, tanto che si possono ritrovare segni di attività in tal senso risalenti all’età nuragica.Tali testimonianze mostrano manufatti espressione di un livello già elaborato dell’artigianato; mobili domestici ricercati, eleganti e dalle linee pulite.
Tra di essi spicca sin dal XV secolo la cassa, il mobile autenticamente probabilmente l’unico sardo.
Sia liscia che intagliata, era particolarmente amata e perciò diffusa a macchia d’olio nelle abitazioni sarde, in particolar modo come cassa nuziale o da viaggio. La grande richiesta col tempo ha portato ad una sorta di “industrializzazione” del processo decorativo: i mercanti provvedevano a vendere nel territorio fasce di castagno preintagliate dagli artigiani delle aree di montagna, che quindi i falegnami potevano applicare ai cassoni. Questo procedimento faceva si che l’intaglio non fosse mai perfettamente inserito nell’elemento di arredo, andando però ad alimentare il carattere arcaico delle casse.

Per conoscere gli artigiani del legno di MondoSardegna –>> CLICCA QUI

L’importanza e la diffusione delle cassa, o arca, si può spiegare agevolmente anche tramite la funzione a cui era destinata: racchiudeva tutta la ricchezza di una famiglia, dalla biancheria alle coperte agli oggetti preziosi, pronta anche per eventuali spostamenti. In principio la tendenza era quella di mantenere il legno al naturale ad eccezione del campo centrale reso turchese o verde con succhi vegetali. In seguito si passerà alla pittura nera, per ovviare alla colorazione scura che le casse ottenevano naturalmente con il permanere in cucina, a contatto coi fumi.
Vi possono essere cassoni di diverse dimensioni: alti e stretti, adatti per contenere indumenti, o bassi e oblunghi.
I motivi decorativi risentono dell’isolamento dei sardi; sono infatti rimasti bizantineggianti, senza subire l’influenza di altre tendenze o scuole di intaglio come quelle rinascimentali o barocche.Anche negli esemplari più recenti la decorazione si mantiene planare, soprattutto a carattere floreale e con simboli e uccelli stilizzati.

NO COMMENTS

Leave a Reply