Home Blog Artigianato I giganti di Mont’e Prama: tra storia e mistero

I giganti di Mont’e Prama: tra storia e mistero

pugilatore

I giganti di pietra di Mont’e Prama, scoperti nel Sinis di Cabras tra il 1975 e il 1979, rappresentano certamente una parte importante della storia e della cultura della Sardegna.
Il sito archeologico del ritrovamento di queste statue nuragiche è localizzato a 2 km dalla laguna di Cabras e a 4 km ad occidente dal Mare Sardo; il nome Mònt’e pramma si riferisce alla diffusione nel paesaggio della palma nana.
Tenendo presente le incertezze che caratterizzano una scoperta di tale portata si può ritenere che l’area in cui sono state ritrovate le statue dei giganti fosse una vasta zona adibita a sepolture, di cui oggi è possibile individuare con certezza solo il confine occidentale.

I giganti di Mont’e Prama

I giganti di Monte Prama entrano senza alcun dubbio tra gli elementi della mitologia sarda, di cui purtroppo si hanno ben poche notizie certe; avvolti da una certa aura di mistero, erano posizionati in un vero e proprio heroon, un luogo in cui i defunti appoggiano il diritto al potere della comunità.
Le statue non esprimono una forte appartenenza al mondo occidentale, rivelando influenze orientali, che si possono posizionare nell’area sud anatolica e irano-caucasica tra la fine del secondo millenno e gli inizi del primo millennio a.C. .
Con influenze mesopotamiche, questi giganti sono il risultato della monumentalizzazione dei bronzetti tradizionalmente realizzati in formato ridotto.
Ad un primo sguardo la sensazione che prevale è un senso di forza contenuta: le teste dal collo massiccio, con capigliature appiattite ed appena accennate, volti dai tratti somatici schematici, corpi quasi indipendenti dalle spalle larghe e squadrate.
La volontà che sembra permeare queste sculture è quella di rappresentare una forza sovrannaturale, una presenza magica che è resa appieno nello sguardo allucinato dei volti quasi triangolari; finora le tipologie ritrovate ed individuate delle statue di Monte Prama sono tre: pugilatori, arcieri e guerrieri.
Le 28 statue dei giganti accuratamente restaurate sono esposte sino a fine settembre nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari e nel Musero Civico di Cabras.

Fonte : Bedini Tronchetti Ugas Zucca – I giganti di pietra

Immagini tratte da www.ufficiostampacagliari.it

NO COMMENTS

Leave a Reply