Home Viaggio in Sardegna

Perché scegliere un weekend a Cagliari?

Spesso quando si organizza un viaggio, anche di un weekend, si pensa a mete lontane, all’estero, sottovalutando cosa possa offrire l’Italia.
Con la rubrica Turisti per Cagliari vogliamo proporre una serie di itinerari tematici per chi decida di passare un weekend a Cagliari, dimostrando quante siano le cose da fare a disposizione semplicemente approfittando di un volo low cost.
10502489_825183427506907_6116220220061632430_n
Questo primo fine settimana é dedicato agli amanti dello sport, che troveranno a Cagliari lo scenario perfetto e il clima ideale per attivita’ all’aria aperta, dato anche il clima piu’ che clemente fuori stagione.
Dividiamo quindi il nostro itinerario per giorni, immaginando di atterrare all’aeroporto di Elmas il venerdi’ sera e dovendo quindi sfruttare al massimo un weekend.

Venerdi’: Esplorare Molentargius in bici

Atterriamo a Cagliari. Il volo é stato sicuramente breve, essendo una meta facilmente raggiungibile da tutta Italia e gran parte dell’Europa.
Un caffe, una doccia veloce in hotel e siamo pronti per conoscere la citta’.
Se siamo amanti dello sport e delle camminate, possiamo dimenticarci completamente dei bus: possiamo arrivare praticamente ovunque con una bella camminata o utilizzando il servizio di bike sharing, disponibile in vari punti della citta’.
Dirigiamoci quindi al Parco naturale di Molentargius e affittiamo una bici.
Ci possiamo godere una bella pedalata in mezzo alla natura, passando vicino ai canali abitati dai fenicotteri alla luce rosa del tramonto. Uno spettacolo non da poco.
10454322_820830257942224_6631613189241222407_n
A voi lasciamo decidere l’intensita’ e la durata del giro in bici, l’estensione del parco riesce a soddisfare tutti, dai ciclisti della domenica agli esperti.
Per terminare il nostro venerd¡ cagliaritano ci rimane solo una bella cena, in hotel cosi’ come in ristorante.

Sabato: Trekking sulla Sella del Diavolo

Il sabato potrebbe iniziare al meglio con un trekking su uno dei simboli di Cagliari: la Sella del diavolo. Il percorso é abbastanza semplice, adatto a tutti, e permette di godere del sole e della brezza della citta’, riuscendo ad apprezzarla da una visuale diversa dal solito.
Una volta arrivati in cima, infatti, il colore del mare sottostante e la bellezza del paesaggio saranno sicuramente valsi la pena del percorso; proprio per questo la Sella del diavolo é il Panorama che abbiamo scelto per rappresentare questo itinerario.
sella-del-diavolo-ii
La passeggiata ci lascia la voglia e il tempo di goderci il lungomare Poetto, recentemente rinnovato e perfetto non solo per chi ama lo sport, ma anche per chi voglia semplicemente prendersi un caffe’ in uno dei chioschi che danno sulla spiaggia.
A questo punto sara’ sicuramente arrivata ora di pranzo: il nostro consiglio e’ proprio quello di pranzare in uno dei locali sul lungomare, rilassandosi poi con un caffe’ senza fretta al suono delle onde.
La sera del sabato, il giorno piu’ lungo a disposizione in questo week end, puo’ offrire diverse possibilita’, tra cui naturalmente rimanere in spiaggia o farsi una corsetta sul lungomare.
Per chi volesse conoscere anche il centro storico sarebbe pero’ l’occasione perfetta per una bella passeggiata tra i ciottoli delle strette vie del quartiere Castello, passando tra porte e torri antiche.
1380203_679021935456391_866341332_n
L’atmosfera é molto bella e da vari punti, come dal Bastione, si puo’ godere una vista invidiabile della citta’. Nota per gli sportivi: un giro tra le vie del centro storico di Cagliari puo’ diventare un allenamento se si decide di salire a piedi dal porto sino al Ghetto degli ebrei. Adatto solo ai polmoni piu’ allenati.
A questo punto aperitivo e cena potrebbero essere tra le vie del quartiere Marina, ricco di tutta una serie di ristorantini in cui godersi la cucina tipica della zona.

img_20160910_120339

Domenica: Beach Volley e un tuffo!

Domenica torniamo al Poetto, la lunghissima spiaggia di Cagliari, che si estende per piu’ di 4 km; se il tempo ci assiste, come spesso accade, potremmo addirittura tentare un bagno fuori stagione.
Altrimenti potremmo dedicarci ad una bella partita di beach volley, di cui troviamo vari campi attrezzati lungo la spiaggia.
img_9249
Una volta vinto l’ultimo set, mezzo ricoperti di sabbia e completamente spettinati, dirigiamoci ai chioschi ambulanti che si trovano di fronte allo stabilimento Il lido e ordiniamo un panino: salsiccia, carne, patate, melanzane e zucchine fritte sono solo alcuni degli ingredienti “light” tra cui scegliere.
Torniamo con il nostro paninozzo e la nostra bibita in spiaggia, gustandoli seduti su un asciugamano e con i piedi sulla sabbia. Quale miglior pranzo di commiato da Cagliari?
img_20160909_192855
A questo punto ci resta solo da prendere la valigia, prepararci e dirigerci in aeroporto, con la possibilita’, naturalmente, di tornare il prima possibile.

 

Ph. http://www.beachvolleycagliari.it

In viaggio in Sardegna: Pula – Costa sud

Nei pressi dell’antica città di Nora, oggi sito archeologico, sorge Pula, centro della costa sud della Sardegna che è un ottimo punto da cui iniziare a scoprire la zona, prima di tutto per la sua posizione strategica.
Questo piccolo paese è infatti perfetto per un week end di relax tra le spiagge e le viuzze del paese, in estate animate da un flusso costante di turisti, così come punto di appoggio per un viaggio in Sardegna lungo la costa sud-occidentale del Golfo degli Angeli.


Il golfo di Pula

Una foto pubblicata da Andrea Fanais (@poltergeist_de_pula) in data:

Affittare una macchina e una piccola casa vacanza a Pula possono essere le risposte alla solita domanda “cosa vedere in Sardegna?” che ci si pone quando si pianifica un viaggio: la posizione del paese è perfetta per visitare alcune tra le spiagge più famose della Sardegna, avendo comunque la possibilità di tornarci per cena o la notte, quando l’atmosfera del centro si anima tra ristoranti, negozi e spettacoli di strada disponibili sino a tarda notte.


In estate a Pula, vita notturna per tutte le età

Una foto pubblicata da Francesca (@freeska83) in data:

Si potrebbe pensare che Pula offra solo spiagge, mare e cucina tipica, ma così non è: gli amanti della storia e delle tradizioni popolari non rimarranno infatti delusi, magari decidendo di sfruttare la bassa stagione per visitare la zona quando le temperature non sono ancora altissime.


Storia e cultura: la chiesetta di Sant’Efisio

Una foto pubblicata da Symmy (@symmygirasole) in data:

Un’ottima idea può essere quella di programmare un viaggio nella zona ai primi di maggio, non solo perché il clima mite permette lunghe passeggiate in spiaggia e la visita al sito archeologico di Nora; è infatti il periodo in cui si tiene la celebrazione di Sant’Efisio, impressionante processione tra Cagliari e Nora che veste a festa tutte le strade di Pula.


Sant’Efisio, la festa più attesa dell’anno

Una foto pubblicata da Valeria Lai (@valeriaaalai) in data:

La festa di Sant’Efisio è un’imponente processione religiosa, che si svolge ogni 1 maggio dal 1657: assistervi significa conoscere il folklore sardo, potendo ammirare gli abiti tradizionali dei gruppi provenienti da tutta la Sardegna per percorrere interamente o in parte i 65 km del percorso.
Pula offre quindi storia, cultura, clima mite e splendide spiagge.


Il sito archeologico di Nora

Una foto pubblicata da ItalyXP (@italyxp) in data:

Cosa pretendere di più, si potrebbe dire.
Un pò di sano shopping che, inutile nasconderlo, accompagna l’idea di una vacanza piacevole.
Il paese offre negozi di tutti i tipi e per tutte le tasche, in particolar modo permettendo di comprare a buon prezzo dei pezzi d’artigianato sardo, tra cui ad esempio splendidi sandali completamente realizzati a mano e sulla forma del proprio piede. Da non perdere.


Artigianato sardo

Sant’Antioco, isola nel Sulcis-Iglesiente, e’ la piu’ grande tra le isole della Sardegna, collegata alla stessa da un istmo artificiale.
A poco piu’ di 80 km da Cagliari, e’ un’ottima scelta per chi e’ alla ricerca di mare, storia e buon cibo, in un ambiente che in alcuni tratti assume delle sembianze quasi selvagge.
L’isola riparte il suo territorio tra Sant’Antioco e Calasetta, i due comuni e centri piu’ importanti e piu’ popolosi.

Sant’Antioco: una meraviglia del Sulcis-Iglesiente

Una foto publicada por 🔸Hoffer 🌈🎤 (@giada_hoffa) el

Gia’ ad un primo sguardo e’ evidente quanto l’isola sia rimasta intatta, quasi “antica”: il territorio appare in larga parte invaso da una macchia mediterranea rigogliosa e profumata, le coste conservano dei tratti completamente incontaminati, alcune volte raggiungibili solo via mare.
Le strade, quasi sempre asfaltate ma decisamente strette, sembrano voler rispettare il ruolo della natura, non andando ad intaccare troppo l’aspetto originario di un’isola in cui e’ ancora possibile godere di profumi e sensazioni della vera Sardegna.

Mangiare a Sant’Antioco: dai ristoranti al pescaturismo

Una foto publicada por Carlo Buzzanca (@carlobuzzanca) el

Passiamo ora a un altro degli aspetti che contraddistingue una visita a Sant’Antioco, e che la puo’ rendere indimenticabile: il cibo.
L’isola offre infatti un’ampia scelta di ristoranti; passeggiando sul lungomare di Sant’Antioco si ha solo l’imbarazzo della scelta tra una serie di locali, dal piu’ elegante alla trattoria, tutti accomunati da una splendida vista sul mare.
I piu’ “avventurosi” possono scegliere anche l’esperienza del pescaturismo: pescare in compagnia di professionisti il proprio pranzo, degustandolo poi sulla stessa barca o al molo.

Una foto publicada por Efix® (@efigiua) el

Le spiagge di Sant’Antioco

L’isola, adatta ad una giornata di mare con qualsiasi vento, ha una grossa varieta’ di spiagge, che possono colpire gli amanti delle rocce cosi’ come quelli dell’acqua bassa e dei fondali sabbiosi.

Un esempio del secondo tipo e’ la splendida spiaggia di Coqquaddus, con un mare cristallino a perdita d’occhio, fornita di tutte le comodita’ e adatta anche alle famiglie con bambini.
Gli amanti dei tuffi potranno invece passare intere giornate, senza certamente stancarsi, a Cala della signora, splendida cala interamente rocciosa, raggiungibile percorrendo a piedi un sentiero in alcuni tratti ripido.
La fatica, soprattutto in salita al ritorno, sara’ certamente compensata da un tuffo in acque completamente trasparenti, con una splendida tonalita’ verde smeraldo.

Una foto publicada por Marco (@markino93) el

O ancora, altrettanto belle, le spiagge della zona di Calasetta e quella de Le Saline, da cui e’ anche possibile avere un’ottima visuale di Carloforte.
Senza infine dimenticare Cala Lunga, una spiaggia di dimensioni modeste che allunga pero’ la sua superficie in acqua: racchiusa sui lati da due formazioni roccose, diventa quasi una piscina sino a che non si arriva in mare aperto.

Meteo a Sant’Antioco

Il clima di Sant’Antioco e’ caratterizzato da inverni brevi, estati calde, ma non caldissime.
Anche nei giorni piu’ caldi la temperatura e’ infatti mitigata dal vento e rimane sempre abbastanza asciutta, permettendo quindi una permanenza in tranquillita’ anche in agosto.

Una foto publicada por Alessandro Lusci (@alessandrolusci) el

Cagliari è una città accogliente e a misura di turista, perfetta per chi vuole passare una vacanza tra lo splendido lungomare e un centro storico affascinante, con piccoli vicoli i cui ciottoli si dipanano tra palazzi storici ed architetture interessanti.
Capoluogo della Sardegna, ha delle dimensioni che permettono di essere percorsa in gran parte a piedi, scoprendo dei dettagli interessanti che potrebbero altrimenti rimanere nascosti.
Cagliari è infatti una sorpresa per il turista che la percorre: ad ogni svolta, alla fine di ogni salita, ci si può trovare davanti a panorami mozzafiato, assolutamente inaspettati.

Uno degli splendidi scorci da vedere a Cagliari

Una foto pubblicata da paolosalv (@paolosalv) in data:

Quando ci si chiede che cosa vedere a Cagliari la risposta sta prima di tutto nel centro storico, perfetto per conoscere un po’ di storia della città ed immergersi in un’atmosfera quasi d’altri tempi.
Imperdibile è senza dubbio la Cattedrale di Santa Maria Assunta, un connubio di diversi stili architettonici che si può visitare dopo aver percorso una serie di vicoli ristretti, quasi a sorpresa per il visitatore che la vede una prima volta.

La cattedrale di Cagliari – quartieri storici

Una foto pubblicata da Andrea Dex (@dexandrea) in data:

Il centro di Cagliari non è però solo cultura e storia.
Chi è alla ricerca di un po’ di shopping non rimarrà sicuramente deluso, potendo spaziare tra le catene più classiche a botteghe e negozietti di artigianato sardo che esprimono appieno l’anima dell’isola.
Dalla ceramica al ferro battuto, passando per stoffe ed abiti e borse cuciti a mano: la scelta è vasta e va incontro alle esigenze di chiunque sia alla ricerca di un pezzo unico e realizzato a mano.

Lo shopping a Cagliari è anche artigianato sardo

Nella nostra visita virtuale abbiamo a questo punto goduto di un po’ di storia, architettura e fatto shopping; cosa manca? Ma è chiaro, manca il pranzo.
Mangiare a Cagliari è un’esperienza che si adatta a tutte le tasche e a tutti i gusti.
Gli animi più rustici saranno senz’altro a loro agio con un bel panino e una birretta, comprati sul lungomare Poetto e poi gustati in riva al mare, con il sole a riscaldarli.
Chi preferisce un più classico ristorante avrà l’imbarazzo della scelta tra i numerosi piatti tipici e le specialità locali da degustare.

Mangiare a Cagliari: dallo street food ai ristoranti

Una foto pubblicata da Cagliari Food Porn (@cagliarifood) in data:

Una volta riempito lo stomaco il tour può continuare con una tappa obbligata per il turista che voglia conoscere Cagliari: il Bastione Saint Remy, fortificazione storica che si erge nel quartiere Castello, nato con lo scopo di unirlo a quelli sottostanti di Villanova e Marina.

Il bastione di Cagliari

Una foto pubblicata da Alfonso Fradella 🌞 (@alfonsofradella) in data:

Per ultima, ma certamente non per importanza, lasciamo la visita al lungomare Poetto, la principale spiaggia di Cagliari che si estende dalla Sella del Diavolo sino al litorale di Quartu Sant’Elena.
Punto di ritrovo per i cagliaritani sin dai primi caldi, è una lunghissima spiaggia, adatta anche ad una visita con bambini dato il fondale piuttosto basso.

Il lungomare poetto di Cagliari

Una foto pubblicata da @filonorma in data:

Seguici su: