Home Blog Artigianato Andrea Cadoni – Orafo di Montevecchio – Storie di Artigianato

Andrea Cadoni – Orafo di Montevecchio – Storie di Artigianato

Per la seconda tappa del nostro tour tra gli artigiani della Fiera dell’artigianato artistico della Sardegna, andiamo a Montevecchio.
Entrare nel laboratorio a di Andrea Cadoni è un’esperienza, un calarsi nella profondità dell’arte, attraverso i sui gesti e le sue parole.

In equilibrio tra gioielleria e scultura

A partire da una definizione di sè: “il mio lavoro è fare gioielli, anche se in realtà non so se definirmi un orafo, uno scultore, un falegname o un poeta”.
Foto MondoSardegna - Orizzontali (2)
L’intenzione che sta dietro i suoi gioielli è lontana dal concetto semplice di creare un monile come accessorio da indossare fine a se stesso; il suo lavoro è rivolto a creare un’opera, una scultura da poter indossare, che sia capace di poter raccontare ed emozionare.
In ogni suo pezzo si individuano chiaramente la volontà di creare un’opera d’arte e la forte influenza della natura, sempre in prima linea tra le sue fonti d’ispirazione.
Foto MondoSardegna - Orizzontali (1)

La natura come fonte d’ispirazione

Questo desiderio spinge Andrea ad una continua ricerca del bello, che per lui corrisponde a curve, pieni e vuoti della natura, a quell’armonia capace di mettere tutto in un rapporto di pace.
Durante la visita al suo laboratorio è chiaro quanto il contatto fisico sia essenziale per Andrea per entrare in simbiosi con l’opera in esecuzione: ogni gioiello è realizzato interamente a mano, ogni minimo particolare nasce in maniera artigianale.

Foto MondoSardegna - Orizzontali

Concludiamo la nostra visita ad Andrea Cadoni chiedendogli quando un gioiello si considera terminato, e ci risponde così: “posso ritenere definito il mio operato quando riesco a trovare quell’equilibrio di silenzio composto da ogni elemento, in cui ogni perlina e ogni elemento si deve completare a vicenda, ottenendo quell’armonia que deve dar pace al mio animo.
Solo in quel momento posso ritenere il mio gioiello finito e degno di essere indossato sulla pelle di una donna”.
Questo appuntamento con l’artigianato sardo volge al termine, pronti per una prossima tappa del nostro viaggio tra i laboratori artigianali.

NO COMMENTS

Leave a Reply